“Fui avvicinato dal cavaliere Amato che mi chiese come contattare i vertici di Mps. Così fu organizzata una cena nella villa del cavaliere in costiera amalfitana (a Vietri sul Mare, ndr)”. E’ il 12 luglio scorso e l’ex sottosegretario Paolo Del Mese, in carcere per il crac del pastificio Amato, spiega al pm Vincenzo Senatore come avvenne il contatto tra i vertici dell’azienda e l’allora presidente di Mps Giuseppe Mussari, raggiunto anch’egli nelle scorse ore da un avviso di garanzia nell’ambito di un’inchiesta stralcio della Procura di Salerno sulla bancarotta della storica azienda alimentare.

Del Mese afferma che in una sera di fine estate del 2006 Mussari e gli attuali sindaci di Siena e di Salerno, all’epoca deputati Ds, Franco Ceccuzzi e Vincenzo De Luca, si ritrovarono a tavola con i vertici del gruppo Amato per una cena “di stampo familiare”. Pochi mesi dopo Mps concederà un finanziamento di 19 milioni di euro a favore dell’Amato Re per un’operazione di delocalizzazione dell’azienda e per trasformare il vecchio pastificio in un complesso residenziale su progetto dell’archistar francese Jean Nouvel.

De Luca non è indagato. Un finanziere chiede: “Lui che c’entrava a quella cena”? Del Mese risponde: “Non l’ho invitato io”. E secondo lui la volontà di contattare Mps per Del Mese si spiega “col fatto che la provincia di Salerno è ai primi posti degli interventi finanziari della banca senese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Biblioteca Gerolamini, Dell’Utri indagato: “I libri mi furono regalati”

prev
Articolo Successivo

Le famiglie dei magistrati ringraziano Berlusconi

next