La procura di Palermo ha aperto un fascicolo dopo l’esposto presentato dal coordinatore regionale del Partito dei siciliani Rino Piscitello. Secondo il politico dietro il cambio di casacca di numerosi deputati all’Ars passati con il governatore Rosario Crocetta “ci potrebbe essere il voto di scambio”. Si tratta di un fascicolo aperto secondo il “modello 45”, cioè senza notizie di reato. In ogni caso, la procura avvierà le relative indagini e gli accertamenti per verificare quanto denunciato da Piscitello.

“Siamo molto preoccupati di questo utilizzo elettorale dell’operato del governo Crocetta e riteniamo che questo sia il meccanismo della vecchia politica”, ha dichiarato Piscitiello. “Riteniamo – ha aggiunto – che con Crocetta alla Regione siciliana è tornata la vecchia politica, è tornato il ‘cuffarismo’ e anche tanti uomini di Cuffaro“. L’accusa del coordinatore del Partito dei Siciliani si basa sul fatto che “in un paio di mesi circa il 15% dei deputati dell’Ars si sono spostati verso il partito di Crocetta o partiti che lo sostengono”. “Nell’ultima settimana – ricorda – ci sono stati passaggi anche di ex consiglieri comunali, sindaci. Tutte queste improvvise conversioni ideali che statisticamente sono impossibili”.

Crocetta si difende ai microfoni di La7: “Se ci sono deputati che abbandonano il centro autonomista e il centrodestra per aderire al mio movimento, cosa vuole che dica a loro ‘no, restate con loro?’ Dovrei essere un kamikaze“. Il presidente della Regione siciliana ha definito “offensivo” il “termine ‘mercato delle vacche‘ (così come Piscitello aveva definito il passaggio dei deputati da altre formazioni al Megafono, ndr) per chi come me considera la politica coerenza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Angela Bruno, Berlusconi si scusa ma “lei si è divertita”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, spot omofobo di Fratelli d’Italia (poi sparito). Meloni si scusa

next