Avviso importante‘. La scritta già di per sé provoca agitazione. Sparite le cartoline e le lettere, sostituite, assai poco romanticamente, con mms e mail, la cassetta della posta, oltre all’immancabile pubblicità ci riserva solo avvisi di pagamento e le famigerate contravvenzioni. Un ‘avviso importante’ viene quindi vissuto più come un triste presagio che come un annuncio esaltante. 

Quando questa mattina però sono uscito di casa, sul portone d’ingresso ho incontrato alcuni inquilini con in mano ‘l’avviso importante’ di Silvio Berlusconi e la scritta ‘Rimborso Imu 2012‘ in grande evidenza.
“E’ l’unico che ci ridà indietro l’Imu” sento esclamare una signora sulla sessantina. “Io gli credo, ci già ha tolto l’Ici” le fa eco un non più giovane piccolo imprenditore. Alcuni, tra cui il sottoscritto, hanno tentato di spiegare loro che questo è uno dei tanti imbrogli del Cavaliere, una pubblicità ingannevole, una busta truffa, una promessa di soldi in cambio del voto. Tradotto: un voto di scambio.

Non so se la spiegazione sia servita a convincere i due eccitati condomini ma penso che da qui a domenica sia un dovere morale e civile di ogni cittadino (anche di chi non voterà), con un briciolo di etica, impedire l’ennesima vittoria del principale corruttore morale della nostra storia. Impedire, come hanno scritto in un importante appello donne e uomini come Barbara Spinelli, Umberto Eco, Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Andrea Camilleri… “il ritorno al potere di uomini e di forze, che negli anni passati hanno già portato il Paese verso la catastrofe”.

Conserviamo ‘l’avviso importante’ e lunedì sera, quando il responso sarà ufficiale, depositiamo le buste davanti a Palazzo Grazioli. Sarà il nostro definitivo ‘avviso di sfratto’.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni 2013, voto disgiunto per salvare la Lombardia

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2013, Bersani: “Abolire ticket su visite specialistiche”

next