E se il Movimento 5 Stelle vincesse le elezioni? ”Non lo so, se dovesse succedere sto botto saremmo anche un po’ in difficoltà, dovremmo organizzarci e scegliere le persone in fretta”. Lo ha ammesso Beppe Grillo ai microfoni di Radio Montecarlo. E a chi gli chiede se ipotizzi dei “tradimenti” una volta entrato in Parlamento risponde: ”Qualche Scilipoti ce l’avremo anche noi, ce li stanno già portando via gli altri movimenti a cui siamo grati”.

Beppe Grillo si fa dunque intervistare da Radio Montecarlo e da Radio 105 dopo aver annunciato, un po’ a sorpresa, che domenica 17 febbraio sarà ospite a Skytg24. Il leader di M5s ha esposto alcuni punti del suo programma: ”Voglio ridiscutere tutti i trattati. Siamo già entrati nell’euro senza essere considerati, adesso voglio fare un ‘piano b’ di sopravvivenza e voglio fare un referendum sull’euro“. “Noi – ha dichiarato – abbiamo miliardi di interessi che aumentano ogni anno. La spending review non dà posti di lavoro, va inventata l’economia. Monti è stato messo lì dalla Merkel per contrastare il Movimento 5 Stelle, ma lo vedi che non è adatto: fa comunicazione ancora col cagnolino!”.

Per quanto riguarda l’indicazione del nuovo capo dello Stato “si farà una votazione online tra tutti e decideremo chi sarà il nostro Presidente della Repubblica“. Grillo ha detto che lo stesso discorso varrà anche per l’indicazione del premier. “Non ho un’idea –  ha precisato –  Ma non decido io. Gli altri partiti svendono qualsiasi idea e anche la Costituzione. Non c’è premierato in Italia, ogni decisione la prenderemo coinvolgendo la rete e lo faremo insieme”. E su eventuali alleanze post-voto annuncia che non ci saranno perché “noi saremo l’ago della bilancia. Come in Sicilia. Sono loro che seguiranno noi e noi seguiremo le nostre idee”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Energia, Zollino (Lista Monti): “Il futuro non si decide per referendum”

next
Articolo Successivo

Energia, Stagnaro (Fermare il declino): ‘Strategia? Limitare l’intervento pubblico’

next