I poliziotti condannati per l’omicidio colposo di Federico Aldrovandi potrebbero uscire di prigione grazie al ‘salva carceri’. I legali di Monica Segatto (reclusa a Rovigo), Paolo Forlani e Luca Pollastri (rinchiusi nell’Arginone di Ferrara) hanno depositato nei giorni scorsi una seconda istanza di scarcerazione. Questa volta sulla base del decreto che prevede i domiciliari per le pene residue inferiori ai diciotto mesi.

Tre dei quattro agenti condannati in via definitiva a tre anni e mezzo (ridotti a sei mesi grazie all’indulto) per la morte del ragazzo avvenuta a Ferrara il 25 settembre 2005, hanno visto lo scorso 29 gennaio rigettare dal tribunale di sorveglianza le rispettiva richieste di affidamento ai servizi sociali o, in subordine, ai domiciliari. I loro avvocati tentano ora la carta del salva carceri. Due le condizioni da assolvere. “Un luogo di domicilio idoneo e il fatto che la persona non sia socialmente pericolosa” spiega l’avvocato Gabriele Bordoni, difensore di Forlani, che ha depositato gli atti lo scorso 4 febbraio. Il primo requisito non comporta grossi problemi. Quanto al secondo, “il fatto stesso che gli agenti siano stati raggiunti dai provvedimenti disciplinari (sospensione dal Corpo della Polizia di Stato per la durata di sei mesi), “esclude ipso facto la possibilità di reiterazione del reato colposo in servizio”.

A decidere su questa ulteriore istanza sarà il magistrato di sorveglianza dei due distretti interessati, quello di Bologna, per Forlani e Pollastri, e quello di Padova, per la Segatto. a decidere. La posizione del quarto poliziotto condannato, Enzo Pontani, la cui udienza era stata rinviata per difetto di notifica, verrà esaminata il prossimo 26 febbraio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vivisezione: ragassi, non siamo mica qui a tagliare in quattro un beagle!

prev
Articolo Successivo

5 Stelle, la capolista al Senato in Emilia: “Non farò cadere il prossimo governo”

next