Le dimissioni di papa Benedetto XVI sono arrivate d’improvviso. Non è la prima volta che un papa si dimette, ma è la prima da tanti secoli, è la prima in diretta, la prima del nostro tempo. La sua dichiarazione da delle ragioni che non ho motivo di non prendere sul serio e non so dire se ce ne siano altre non ancora note. Quello che so per certo è che questo papa non è un impulsivo, uno che fa una scelta del genere sulla base di un momento di stanchezza o di insofferenza per la difficoltà di una situazione. E’ un papa che sceglie le parole e i momenti, che pondera tutto quello che dice con discernimento e oculatezza.

Penso quindi che sia una scelta ponderata e immagino che il mescolarsi della stanchezza dovuta all’età con le resistenze e i problemi di palazzo lo abbiano provato oltre misura. Ma io voglio fare una considerazione sul fatto in sé delle dimissioni di un papa, che è un fatto nuovo, importante e, a mio avviso, positivo. Si immagina sempre il papa come un super uomo sulla scorta della teologia romano cattolica che lo definisce infallibile, luogotenente di Cristo, primo fra tutti e quindi, nell’immaginazione, uno che non cede mai, che non può cedere, … e invece è un uomo. La sua decisione è umana, altamente umana e in questo degna di onore e del massimo rispetto.

Mi è anche venuta, ascoltandolo, una fantasia. E se un papa decidesse e dichiarasse, con la portata pubblica che ha avuto la dichiarazione odierna di Benedetto XVI, che il papa si dimette per lasciare i suoi poteri ai vescovi riuniti, se si dimettesse per cambiare il governo della sua chiesa e per renderlo collegiale, meno infallibile ma non meno autorevole? Nel periodo in cui si ripercorrono le novità del Concilio Vaticano II sarebbe una bella sorpresa, una vera rivoluzione! Ma questa è fantasia.

Benedetto XVI ha comunque fatto una scelta importante, piena di dignità e di coraggio. Gli auguro molti anni ancora di riposo e di studio, anni più silenziosi e privati, anni di preghiera e di maggiore libertà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Papa si dimette, i bookmaker puntano su Scola, Arinze e Turkson

next
Articolo Successivo

Dimissioni Papa, le ‘profezie’. L’Osservatore: ‘Già decise da molti mesi’

next