“Se l’istituzione di vigilanza avesse avuto più poteri, questo avrebbe aiutato”, questa la linea difensiva dell’ex governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, sul caso Monte dei Paschi di Siena. Secondo Draghi che ammette di aver “firmato io entrambe le ispezioni sul Montepaschi” effettuate da via Nazionale, “è importante che le banche centrali abbiano maggiori poteri di intervento, tra cui quello di rimuovere i top manager degli istituti di credito qualora necessario”. 

“La creazione di un meccanismo di supervisione unico per le banche richiederà cambiamenti a livello nazionale perché i poteri dei supervisori siano effettivi”, ha affermato Draghi, “uno di questi poteri riguarda la facoltà di giudicare un manager appropriato e adatto al suo ruolo e di rimuoverlo se c’è la sensazione che, per svariate ragioni, non sia più adatto al ruolo”.

Liquidate come interferenze elettorali, poi, tutte le vicende che stanno venendo a galla in questi giorni. ”Le tante voci sulla vicenda del Monte dei Paschi dovrebbero essere liquidate come il classico rumore prodotto da una campagna elettorale”, ha detto il presidente della Bce.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Wall Street Journal: “Prestito di Bankitalia a Mps mai reso pubblico”

prev
Articolo Successivo

Ponte sullo Stretto, il rivale Gavio valuta l’Opa di Salini su Impregilo

next