Erano giorni che la terra tremava in Toscana. La scossa più forte il 25 gennaio. Ma archiviata la paura, in Lucchesia era partita la ricognizione dei danni provocati dalle scosse di terremoto. Alla fine nei giorni scorsi a fare le spese del sisma del 4,8 grado della scala Richter erano state soprattutto le chiese, cinque quelle risultate inagibili dopo un attento monitoraggio. Le scuole oggi chiuse dopo l’allarme di ieri sera invece, che pure erano state attentamente monitorate dai tecnici, sembravano non aver subito danni e da lunedì le lezioni erano riprese ovunque. Anche dopo la scossa più forte, la stragrande maggioranza degli abitanti delle zone più colpite aveva scelto di dormire nelle proprie abitazioni nonostante la Protezione civile avesse deciso di lasciare aperta una struttura di accoglienza, allestita subito dopo il sisma, nella scuola comunale di Fabbriche di Vallico.

Lievi danni si erano registrati anche in provincia di Pistoia, in particolare nella Val di Nievole: erano state segnalate lesioni a edifici all’interno del centro storico di Borgo a Buggiano. A Pescia, danni a abitazioni private e lesioni strutturali all’Istituto agrario e all’Istituto commerciale. Le verifiche effettuate durante la giornata, aveva fatto sapere la Regione Toscana, avevano dato comunque nel complesso risultati definiti “tranquillizzanti”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto Garfagnana, 6 mila persone fuori casa per allarme via social

next
Articolo Successivo

Terremoto Garfagnana, “Allarmismo? Non dimentichiamo L’Aquila”

next