La scritta è apparsa in curva durante il posticipo serale di serie B del lunedì. Si stava disputando Juve Stabia-Brescia (terminata per la cronaca con uno 0-0), e i tifosi della squadra di casa hanno esposto uno striscione su tre livelli: “L’amor che ho per te mi porta a fare anche il teppista; bastardo giornalista non sono un camorrista”. Striscione probabilmente sfuggito al controllo degli addetti alla sicurezza dello stadio ‘Romeo Menti’. I supporter della squadra gialloblù hanno voluto commentare così la notizia dell’inchiesta della Procura antimafia di Napoli sulle pressioni del clan D’Alessandro sul team calcistico, e sul tentativo della cosca di condizionare le scelte tecniche della società per orientare i risultati sul campo e guadagnare attraverso il business delle scommesse illecite. Inchiesta sul secondo filone di Golden Gol, che vede indagato l’ex direttore sportivo Roberto Amodio, ex difensore di serie A degli anni ’80, accusato di concorso in associazione camorristica, e l’attuale presidente Francesco Manniello, che deve rispondere di frode sportiva per la presunta combine di Sorrento-Juve Stabia della primavera 2009.

Nell’avviso di garanzia notificato a 20 indagati i pm indicano Amodio come uno dei presunti organizzatori dell’aggressione ai giocatori della Juve Stabia al ritorno da una partita persa a Pistoia nel marzo 2009. Undici calciatori – secondo la ricostruzione degli inquirenti – furono circondati da decine di persone che il pm Pierpaolo Filippelli definisce “sedicenti tifosi”, malmenati a schiaffi e cinghiate, e costretti a togliersi la tuta della squadra perché “indegni di indossare i colori sociali”. Un calciatore, Donovan Maury, rimase in mutande. Al raid avrebbe partecipato uno degli indagati, Francesco Avallone, salito sul pullman della squadra e presentatosi come referente del clan D’Alessandro, lasciando intendere che la cosca “condivideva a pieno l’ira dei tifosi stabiesi e la necessità di una esemplare punizione dei calciatori”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

José Mourinho e la sindrome di Romeo e Giulietta

next
Articolo Successivo

Mens Sana Siena, storia di un ciclo irripetibile targato Monte dei Paschi

next