“Le parole pesano”. Così si legge in un corsivo pubblicato sul quotidiano Avvenire. Il giornale delòa Conferenza episcopale italiana attacca Pier Ferdinando Casini “colpevole” di troppa ambiguità nell’esprimersi contro le unioni tra coppie dello stesso sesso.  Mario Monti dicendo che “il matrimonio può essere celebrato solo tra un uomo e una donna, ha detto – secondo il giornale della Cei – una cosa chiara e giusta. Così come anche Nichi Vendola pur dal lato opposto, ha preso una posizione netta “anche se, secondo noi, sbagliata”. I vescovi, invece attaccano Casini e Anna Finocchiaro, colpevoli di “ambivalenza”.

“Finocchiaro e Casini dicono di ‘no’ al matrimonio gay – scrive il quotidiano della Cei – ma poi parlano con ambivalenza di ‘diritti civili di convivenza’ o ‘diritti civili di coppia’ dicono una cosa che non hanno pensato abbastanza o che hanno pensato troppo. E, secondo noi, male”. E attaccano il segretario Udc: “Le parole pesano, soprattutto quando questioni così grandi vengono liquidate in battute solo apparentemente calibrate, ma dal sapore politico piccolo piccolo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Bersani cambia idea: “No alla patrimoniale, non sono Robespierre”

prev
Articolo Successivo

Giovani Pd: impresentabili? Solo dopo condanna

next