“Lasci la poltrona di senatore a vita”: questo l’intento dell’iniziativa lanciata a Milano da Ignazio La Russa, cofondatore di Fratelli d’Italia – centrodestra nazionale insieme a Guido Crosetto e Giorgia Meloni. Un invito rivolto a Mario Monti, per partecipare alla competizione elettorale in modo “più democratico”. Al gazebo allestito in piazza San Babila, l’ex coordinatore del Pdl, parla soprattutto delle alleanze in vista delle elezioni politiche:”In un colloquio telefonico con Maroni e Calderoli ho discusso della proposta di fare delle primarie all’interno del centrodestra, in modo che siano gli elettori a scegliere chi sarà il candidato premier”. Parole seguite dalle dichiarazioni in tv di Silvio Berlusconi, che pur di non perdere il sostegno del Carroccio si è detto pronto a “non essere il candidato premier“. Resta ancora aperta la corsa alla regione Lombardia: La Russa non ha mai nascosto l’apprezzamento per Gabriele Albertini, ma essendo ormai inconciliabile la sua candidatura con il sostegno del Pdl, l’esponente di fratelli d’Italia delinea un nuovo scenario. “Se dovesse prevalere l’egoismo delle forze politiche (con Maroni, Albertini e la possibile candidatura della Gelmini), saremmo costretti anche noi a mettere in campo quella che consideriamo la miglior candidata: Viviana Beccalossi”  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2013, Monti a Bersani: “Tagliare le ali estreme della sinistra”

prev
Articolo Successivo

Parlamentarie Sel in Campania, è caos: ricorsi, proteste e polemiche

next