“10 milioni 693mila 911 elettori hanno votato sì alla costituzione, con una percentuale pari al 63,8%”. Il presidente della Commissione elettorale, Samir Abul Maati, snocciola i numeri del referendum con cui l’Egitto si è dotato di una Costituzione dopo la fine del regime di Mubarak. Una legge controversa voluta dagli islamisti del presidente Morsi al potere e contestata aspramente dall’opposizione laica, contraria alla svolta religiosa imposta al Paese.”Non ci sono vincitori o vinti. Questa sarà la costituzione di tutti gli egiziani”, ha dichiarato il primo ministro Hicham Qandil. Ma il dato della partecipazione al voto, il 32,9% degli egiziani, è stato molto basso. E soprattutto il referendum si è svolto in un clima di alta tensione, con frequenti scontri di piazza tra i sostenitori di Morsi e l’opposizione. In questo quadro complesso, dagli Stati Uniti è arrivato l’invito al presidente Morsi a mettere fine alle divisioni e ad allargare il consenso politico

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

New York, giornale pubblica la mappa coi nomi dei possessori di armi

next
Articolo Successivo

Cina, 700 montagne saranno “livellate”. Per far posto alla città “ecosostenibile”

next