“E’ una bella notizia. Ingroia ha colto l’appello a esserci il 21, vediamo cosa ci dice”. Così Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, commenta la decisione di Antonio Ingroia di chiedere l’aspettativa per motivi elettorali. “Lui è l’uomo giusto – continua – al di là di quelle che possono essere le valutazioni anche sull’opportunità che un magistrato si schieri. Questo è un momento storico eccezionale”. De Magistris nega anche che i magistrati che finora hanno lavorato con Ingroia sul processo sulla trattativa Stato-Mafia possano essere più isolati dopo la scelta del Pm di entrare in politica (“Si diventa testimoni di giustizia e lottatori in altre sedi”) e dice di non essere preoccupato dai primi sondaggi, che danno il Movimento Arancione a un misero 0,5%: “Il movimento è nato adesso, la lista non c’è ancora, non sono affatto preoccupato” di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Se la politica riparte dai pendolari

prev
Articolo Successivo

Legge stabilità, il Pdl: “Serve più tempo”. Bersani: “Non la usino per i loro problemi”

next