Dice di essere stato “coccolatissimo e non sfiduciato” dal Ppe, anche se diversi suoi esponenti, primo su tutti Angela Merkel, hanno chiesto la candidatura di Monti. Silvio Berlusconi parla da Bruxelles a margine del vertice Ppe e, oltre a invitare il Professore a presentarsi alle prossime elezioni, precisa: “Monti non ha fatto altro che continuare il mio lavoro. E il Ppe è preoccupato da un possibile ritorno della sinistra in Italia“. E se solo qualche giorno fa era stato perentorio col governo in carica, dicendo che il tempo per l’esecutivo era finito e che per causa sua il Paese era “nel baratro”, oggi propone “a Monti di essere il candidato di tutti i moderati perché ci sono anche Casini e Montezemolo che hanno chiesto a lui di esser il loro punto di riferimento. A questo punto – ha aggiunto – sia anche il riferimento del Popolo della libertà”. Non nasconde che in quel caso “avremo qualche difficoltà con la Lega” ma, aggiunge, “che possano arrivare a ragionare al riguardo” consentendo così ai moderati di essere uniti. Perché – ha tenuto a ricordare il Cavaliere – quando “i moderati si spezzano passano la mano alla sinistra”. Al contrario, quindi, Carroccio e moderati insieme possono vincere.

B.: “L’euro ha tre anni di tempo” – Non solo: anche se l’ex premier ha giocato l’inizio della sua campagna elettorale in chiave anti-Monti, oggi cambia idea e aggiunge: “Le visioni mie e del premier sullo stato dell’Italia si sono sommate, senza differenze importanti”. Ma si contraddice poco dopo vestendo i panni dell’euroscettico, convinto che l’Euro potrebbe avere davanti a sè solo altri tre anni di vita, prima che i singoli Stati tornino alle rispettive monete. Rivendica invece di aver “posto la questione in termini scientifici” e se non si corre ai ripari, cioè se la Bce non comincia a stampare moneta per abbassare il costo del denaro e ridurre gli squilibri tra Stati membri, l’esito è uno solo: “Nel giro di tre anni si arriverebbe alla necessità di tornare alla moneta nazionale per pagare meno il denaro, potendo tornare a stampare denaro”. 

Schulz: “Berlusconi non tornerà, gli italiani non dimenticano” – Si tratta di un’altra giornata in cui Berlusconi per l’ennesima volta non chiarisce se si candiderà o meno ma, dice, “so solo che se dovessi tornare potrei recuperare gli elettori delusi del 2008”. E ‘mostra i muscoli’, tanto da ironizzare sull’accoglienza poco lusinghiera riservatagli dai media internazionali in questi giorni: “Che io sia importante lo sapete anche voi. In questi giorni i giornali hanno scritto e detto: ‘Torna Berlusconi e trema l’Europa’. Questo significa che sono forte, no? Lasciatemi almeno avere l’ebbrezza e l’orgoglio di questa situazione”. Eppure aveva giudicato offensive le reazioni della stampa internazionale in merito a una sua nuova discesa in campo, visto che alcuni giornali lo avevano presentato come “un ciarlatano che terrorizza i mercati“. E ai quotidiani di tutta Europa si era aggiunto anche il duro commento del presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, che considera il suo ritorno una “minaccia per la stabilità dei mercati”. E che oggi ribadisce: “Berlusconi non tornerà perché gli italiani non hanno dimenticato che è lui che ha governato negli ultimi dieci anni”. Affermazioni a cui il Cavaliere ribatte spiegando che il presidente è “una persona problematica per la Ue“. 

Lega, Maroni: “Ammucchiata con Monti? No grazie” – Le dichiarazioni sul Carroccio arrivano peraltro nello stesso giorno in cui Bossi dichiara che “Monti deve sparire dalla faccia della terra” e all’indomani dell’aut aut di Maroni a un’alleanza del suo partito col Pdl nel caso di Berlusconi candidato premier. E anche oggi il segretario del partito è perentorio e su twitter scrive: ”Grande ammucchiata guidata da Monti, quello del record mondiale di tasse? No grazie. Prima il nord”. Stessa posizione di Matteo Salvini, secondo cui lo scenario proposto dal Cavaliere è pura fantapolitica. “Quando uno ipotizza, anche solo lontanamente, che la Lega possa sostenere Mario Monti – spiega il segretario nazionale lombardo -, o ti piglia in giro, o ha preso un colpo di freddo”. Infatti, prosegue Salvini, “è un anno che facciamo guerra senza quartiere al governo e proprio questo fine settimana mettiamo in piazza mille gazebo”. Quanto al Cavaliere, che ieri ha minacciato di far cadere le giunte di Piemonte e Veneto, dove il Pdl governa insieme alla Lega, nel caso in cui il Carroccio non arrivi a un accordo a livello nazionale col suo partito, il segretario della Lega lombarda ha tagliato corto: “Facciamo finta sia una caduta di stile, come i bambini che portano via il pallone, quando sono stufi di giocare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Espulsioni dal Movimento 5 Stelle: autogol o strategia?

next
Articolo Successivo

Legge di stabilità, lo Stato potrà rivendere beni mobili sequestrati alla mafia

next