Ken Loach 65° festival di CannesHa dimenticato la guerra, ma è sempre lui: Ken il Guerriero. Archiviata la rabbiosa Altra verità sui contractors in Iraq, il 72enne Loach s’attacca alla bottiglia. Premio della giuria al 65° festival di Cannes e dal 13 dicembre nelle nostre sale, La parte degli angeli (The Angels’ Share) miscela impegno sociale e humour scozzese, mescola gioventù bruciata ed etiliche sofisticazioni. Soprattutto, alza il gomito della commedia per uscire dalla crisi. Non ubriachezza molesta, ma un grido a più voci: salute!

Protagonista è Robbie (Paul Grannigan, sfregiato e super), un piccolo criminale di Glasgow che con la violenza ha più di qualche trascorso. Intelligente e sveglio, ha anche una ragazza, Leonie, da cui aspetta un bambino, e forse vuole davvero cambiare vita, anche se le cattive frequentazioni non mollano tanto facilmente: condannato ai lavori socialmente utili per un brutale pestaggio, conosce Rhino, Albert e Mo, tre senza futuro e senza presente come lui. Ma buon Loach non mente, e il bicchiere è mezzo pieno: grazie al sorvegliante Harry, Robbie & Co. scoprono il significato dell’Angels’ Share, la quota degli angeli, ovvero il 2% dello scotch che evapora ogni anno da una botte.

Per quella parte che va in cielo ce n’è una che torna in terra, e si chiama speranza: Robbie ha il naso fino e forse proprio dal single malt può arrivare la salvezza. Con il kilt e un’idea truffaldina nello zaino, i quattro partono per le Highlands, cercando di barattare gradazione alcoolica in solido futuro.

Se le battute e le gag su Mona Lisa, Einstein, asini e “checkpoint Charlie situations” fanno sbellicare, Loach non scherza, fa sul serio, e utilizza la commedia non per berciare al vento, ma “perché ridere fa parte della nostra comune umanità”. Non sono vittime i suoi personaggi, ma quattro angeli in carne, ossa e – soprattutto – spirito che vogliono la loro parte: si chiama futuro, ed è anche il nostro.

Grazie di crederci, Ken, e grazie di aiutarci a credere. Toast! 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Battisti, Martelli e un’autorità che non c’è

prev
Articolo Successivo

Manoscritti nel cassetto/2: Trenta denari (di Anna Rita Guarducci)

next