Contro l’esposizione a fattori inquinanti e cancerogeni provenienti dall’Ilva di Taranto, una delle possibilità studiate dal governo (e dal ministero dell’Ambiente) è l’evacuazione del quartiere Tamburi, quello più vicino al siderurgico del capoluogo ionico.Parola del ministro Corrado Clini da Roma, dove ha partecipato a ‘Più Libri più Liberi’. “L’evacuazione è una delle possibilità – ha spiegato il ministro – Sappiamo che le caratteristiche abitative del quartiere sono tali per cui alcune aree risultano più esposte. Queste possono essere evacuate, ovviamente se gli abitanti sono disponibili”.

Non solo. Clini ha rivelato anche altre particolarità  sulla possibilità di evacuazione del rione. Particolari, per così dire, istituzionali: “Ne abbiamo già parlato anche con il sindaco di Taranto – ha annunciato il ministro – per cercare di creare una disponibilità abitativa alternativa”. Il quartiere, ha aggiunto Corrado Clini, è stato vittima di due misfatti: “Da una parte il parco minerario dell’Ilva è stato raddoppiato e dall’altra sono state autorizzate costruzioni nuove sempre più vicine al parco”.

”L’area di Tamburi – ha detto ancora il ministro – era già oggetto di un piano di risanamento del 2005 con fondi europei che sono rimasti alle amministrazioni locali che non sono state in grado di spenderli”. L’ipotesi di evacuazione parziale, ha sottolineato Clini, era già contemplata nel decreto dello scorso agosto su Taranto: “Nel provvedimento c’è una voce esplicita su Tamburi, che può prevedere l’evacuazione. La via maestra comunque rimane il risanamento dell’Ilva”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dante a Taranto

prev
Articolo Successivo

Petrolio: la grande illusione di abbondanza

next