Ho partecipato come relatore, e come socio dell’Associazione sulle regole al Civics Fest di Acquapendente il 7 dicembre 2012.

Ho presentato il mio progetto tweetsalute partendo dall’Articolo 32 della Costituzione Italiana e dalla necessità di ricostruire un nuovo ‘ponte’ tra medico e paziente che riduca “Il problema della medicina difensiva”. Ippocrate diceva infatti che “il medico ed il paziente devono combattere insieme contro la sofferenza”. Perché quindi non utilizzare la tecnologia che sta prendendo sempre più piede per aiutarci? Mio nipote Luca De Felice,  che ha scritto per il Sole 24 Ore il libro “Marketing conversazionale”, alla pagina 101 paragona Twitter ad “ascolto, dialogo e cognizione in un microblogging che permette ai suoi utenti di diffondere brevi messaggi di testo”. Proprio ascolto, dialogo e cognizione servirebbero per ricostruire un ‘ponte’ fra medico e paziente.

Subito dopo Marco Vettorello ha presentato una applicazione contro l’elusione e l’evasione fiscale che non evidenzia, ha specificato l’inventore, il denunciante e/o il denunciato perché non è il loro intento. Il fine è semplicemente quello di sensibilizzare. Nel sito evasori.info medici e dentisti sono ai vertici delle segnalazioni come ha indicato Marco Vettorello nella sua presentazione di Acquapendente. Questo dato emerge anche dal “terzo rapporto Eures 2012 sull’evasione fiscale in Italia”. I medici, invece, proprio perché sono custodi e servitori del ‘bene comune’ non dovrebbero nascondersi ponendosi ai vertici dei contribuenti italiani.

La Costituzione Italiana in materia di sanità ci regala dei diritti, articolo 32 ma ci impone dei doveri per far valere i diritti, articolo 53. Ho imparato da Gherardo Colombo che “per essere liberi occorre sapere”. Mi piace aggiungere che “per sapere occorre comunicare”. La tecnologia e le applicazioni possono aiutare. 

http://tweetsalute.com/

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chi ha paura degli alieni?

prev
Articolo Successivo

E’ morto Riccardo Schicchi: con Cicciolina e Moana inventò il porno di massa

next