Il renziano Mario Adinolfi fa un passo indietro, rispetto a quanto dichiarato al Fatto Quotidiano in edicola oggi: “Sarei un ottimo ministro delle comunicazioni”, aveva detto l’ex direttore di Red Tv. Poi cambia versione: “Non mi candido e non credo di fare il ministro di alcunché, non sto simpaticissimo a Bersani, quindi non è assolutamente credibile che io possa fare il ministro, perché sono sempre stato un po’ rompiscatole, non credo di ricadere nella sua cerchia di amici”. “Noi non chiediamo nulla, io faccio il parlamentare semplice, da poco, e con grande senso di responsabilità – continua il deputato del Pd – ma certo, non sarei un ministro come Gasparri, però è proprio un’ ipotesi dell’irrealtà”. Mi interessa però che questo quaranta per cento raccolto da Matteo Renzi, non in termini di posti ma per l’utilità che credo abbia per raccogliere il consenso nel Paese, venga valorizzato di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Come il ‘non comunicatore’ Bersani è riuscito a comunicare

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, spunta il ‘premietto’. E l’intesa Pd-Pdl rischia di saltare

next