Il segretario del Partito Democratico chiude la campagna elettorale per le primarie a Torino: “Non temo disordini ai seggi. Siamo tutti interessati, che domani si concluda con una grande festa della democrazia”. Parlando con i cronisti Bersani sottolinea l’unità del partito, a dispetto delle tensioni registrate con Renzi negli ultimi due giorni: “Domani sarà l’inizio del lavoro per una grandissima squadra, che nel frattempo è diventato uno squadrone”. Mentre il segretario parla al pubblico del teatro Vittoria, arrivano le notizie sulla conferma delle primarie del Pdl e del rifiuto per la quasi totalità delle richieste d’iscrizione per il voto di domani. Bersani risponde stizzito: “E’ una questione che riguarda i garanti, anche tra i miei ci sarà qualcuno che non potrà votare” di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Liste pulite, la legge sugli incandidabili slitta di nuovo e rischia lo svuotamento

prev
Articolo Successivo

Movimento 5 stelle, on line le regole per le primarie. “Non cartapesta, ma realtà”

next