Dopo aver definito sul suo blog le primarie del centrosinistrauna nave di folli” e “bromuro sociale“, anche dopo la consultazione Beppe Grillo non fa mancare il suo affondo. Il comico genovese questa volta si affida a Twitter: “I giornali hanno titolato ‘Affluenza record alle primarie’, ‘Partecipazione da record’. Aiutiamoli con questi dati” e allega un grafico, nel quale evidenzia il calo progressivo dei partecipanti.

Nell’immagine, che ha come sfondo il disegno dei ‘Fantastici 5‘ con cui il sito del Pd aveva sponsorizzato il confronto tv dei candidati alle primarie, Grillo mette in luce la tendenza negativa dell’affluenza negli ultimi sette anni di votazioni.

Nel 2005 i votanti alle primarie dell’Ulivo erano stati 4.311.149. Nel 2007, alle consultazioni del Pd, 3.554.169, scesi a 3.102.709 nel 2009. L’affluenza di ieri, quando a votare erano chiamati gli elettori di tutto il centrosinistra (Pd, Psi e Sel), i votanti sono stati 3.107.568, poco di più, dunque, che due anni prima.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Veneto, assessore a rischio per 200mila euro di spese elettorali non dichiarate

prev
Articolo Successivo

Berlusconi presenta ai figli la nuova Forza Italia. Ma solo Marina approva

next