Ha già ricevuto migliaia di adesione e 172 mila mi piace su Facebook l’inziativa della rivista Micromega per una petizione che solleciti numeri identificati per gli agenti impegnati nella manifestazioni. All’iniziativa sono arrivate tantissime adesioni: il sostegno anche di Andrea Camilleri e Moni Ovadia, Dario Fo, Margherita Hack, Gad Lerner, Gianni Vattimo, Luigi de Magistris e tanti altri. Le matricole identificative per le forze dell’ordine, schierate in assetto anti sommossa durante i cortei, vengono ritenute necessarie non solo per chi scende in piazza a dire la sua, ma anche per gli stessi poliziotti e carabinieri.

Per il filosofo Vattimo: “Chi agisce per conto dello Stato ed è al servizio dei cittadini deve poter essere riconoscibile. In una situazione come quella attuale, in cui la crisi economica intensifica la conflittualità sociale, non si può pensare di lasciare margini a possibili abusi da parte delle forze dell’ordine, come le immagini dello scorso 14 novembre documentano. Diciamolo chiaramente, se nel 2001 gli agenti che hanno fatto irruzione alla Diaz fossero stati identificabili le cose non sarebbero andate come poi sono andate”. L’iniziativa, lanciata dal giornalista Giacomo Russo Spena, ha già raggiunto 20 mila firme. Questo il link per chi vuole mettere la sua

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cortei sabato, Manganelli: “Garantiremo diritti di tutti”. Cosip: “Agenti in ferie”

next
Articolo Successivo

Aggressione al ghetto, telecamere di sorveglianza davanti alla scena

next