Ore 22.30 della sera. Fine lavoro. Una normale giornata, inutile parlare di stress, ognuno ha il suo, ognuno vive, interiorizza, esprime se stesso a seconda di come è in grado di assorbire le vicende. Un dato è certo: spesso si arriva alle sera colmi, dopo aver calcolato al secondo le energie in modo da staccare al momento giusto. In questo caso ogni imprevisto rischia di farci esplodere. Comunque, esco dal giornale. Mi incammino verso l’auto. Ancora penso allo scoop di Marco Lillo, a quando si andrà al voto. Al governo Monti.

Una telefonata (per fortuna) mi distrae. Continuo a camminare. Ancora. Giro l’angolo, da lontano intravedo la mia macchina. C’è. E già questo è importante. Mi sembra intatta, altro dato da non sottovalutare (un paio di volte l’ho ritrovata divelta). Ops… no!!! Ho un foglietto incastrato tra il tergicristallo e il parabrezza, in quella posizione può significare solo due cose: una pubblicità o una multa. Mi avvicino. Cavolo, ha più le sembianze della contravvenzione. Subito la lancetta dell’umore inizia a oscillare tra lo sconforto e l’incazzatura: è parcheggiata bene, sulle strisce bianche. A due metri leggo: “Verbale di contestazione” e subito la cifra: 170 euro. Cosa?!?! Ma sono impazziti?! Respiro. Un brandello di lucidità mi fa ragionare: la cifra è spropositata, senza senso. Qualcosa non torna. Calma. Rileggo. In fondo la soluzione: è una pubblicità della Lancia dedicata alla Ypsilon (allego volantino). Bene. L’oscillazione sconforto-incazzatura si tramuta solo in incazzatura.

Penso. La pubblicità funziona se ti offrono associazioni forti, magari provocatorie, comunque positive. Piacevoli. Ironiche. Che possono disturbare, possono far discutere. Possono essere opinabili. Qui non c’è niente di tutto questo. Un dubbio: ma allora Marchionne vuole chiudere realmente la Lancia! Perché se questa è la sua strategia comunicativa…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

I controlli sanitari e il benessere interno lordo

prev
Articolo Successivo

Smettiamo di manifestare. Non diamogliela vinta

next