Pollice verso per disoccupazione, crescita e accesso alle imprese in Europa. E’ quanto riferisce il bollettino di  novembre diffuso dalla Banca centrale europea , in base ai calcoli della Survey Of Professional Forecasters (Spf) effettuata nel quarto trimestre. La percentuale dei senza lavoro toccherà l’11,3% nel 2012, l’11,6% nel 2013 e l’11,2% nel 2014 e rispetto alle attese, si tratta di un peggioramento di 0,1, 0,2 e 0,4 punti percentuali.

La situazione non è delle migliori neanche per quanto riguarda l’accesso al credito per le imprese. Il bollettino riporta che nel terzo trimestre la percentuale netta di banche che segnalava un irrigidimento dei criteri per la concessione di prestiti e linee di credito a favore delle imprese “è aumentata al 15% a fronte del 10% del trimestre precedente”. E anche in questo caso l’andamento è stato più accentuato di quanto atteso tre mesi prima.

Nell’Eurozona inoltre la crescita resta debole anche per l’anno prossimo, nonostante le misure della Bce e il miglioramento del clima di fiducia sui mercati. Stessa sorte per il Pil le cui stime di crescita vengono riviste in negativo: il Pil 2012 è stimato a -0,5% (da -0,3%), nel 2013 a +0,3% (da +0,6%), nel 2014 a +1,3% (da +1,4%).

A fronte della crisi, la Banca centrale si è detta pronta a intervenire con una sorta di scudo anti-spread, ovvero a un piano di acquisti illimitati di titoli di Stato per scongiurare “scenari estremi” nell’eurozona, “limitando quindi nettamente i timori circa il concretizzarsi di forze nefaste”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nel giorno della protesta a Bruxelles smontano il bilancio

prev
Articolo Successivo

Draghi: “L’Europa si riprenderà. Ai governi spetta lo sforzo maggiore”

next