Il sindaco di Firenze lancia a Roma, al grido di “rivoluzione digitale adesso”, un comitato di esperti delle Ict, scesi in campo a sostegno della sua candidatura alle primarie e per sviluppare l’uso delle tecnologie in Italia. “Internet è il futuro, favorisce la partecipazione dei cittadini e lo sviluppo economico, offre lavoro – afferma Renzi durante l’incontro – quando non si parla delle scaramucce interne, alleanze o non alleanze, ecco che escono fuori i contenuti”. Tra i sostenitori 2.0 del rottamatore ci sono il manager Peter Kruger, l’informatico Stefano Quintarelli, docenti ed esperti della rete come Eugenio Prosperetti e Franco Sacco.” Insomma “il meglio deve ancora venire”. Cita spesso il presidente degli Stati Uniti, ma Matteo non si sente mica “un Obama nostrano”. Ma davvero il sindaco di Firenze rappresenta rappresenta l’uomo del cambiamento o è solo un’immagine di facciata? “Un solo mese di primarie ha messo in moto la più grande trasformazione della sinistra italiana degli ultimi vent’anni – sostiene Kruger – non credo nel miracolo e non credo che Renzi sia una riproposizione del leaderismo come l’abbiamo conosciuto, tra le idee e il leader ci sono le persone, e lui le sa ascoltare”  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lombardia, la videocandidatura di Albertini: “Noi se sta mai coi man in man”

prev
Articolo Successivo

Crocetta chiude 13 società della Regione. Sicilia, sì a patto di stabilità

next