Un carabiniere è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco, nel pomeriggio a Lodi. Si chiamava Giovanni Sali ed è stato freddato per strada, in via Indipendenza. Non è ancora chiara la dinamica dell’accaduto, ma i carabinieri confermano che il collega è stato raggiunto da due colpi di pistola al torace ed è morto sul colpo. Secondo le prime indiscrezioni sarebbe stato un solo uomo a sparare e non si sarebbe trattato di una sparatoria. Non solo: potrebbe essere stato ucciso con la sua pistola di ordinanza. L’ipotesi della rapina finita male è, al momento, una delle piste seguite dai carabinieri. Ad avvisare le forze dell’ordine è stato un testimone che ha riferito di aver sentito tre colpi di arma da fuoco. Si stanno cercando testimoni oculari per avere maggiori informazioni sul fatto. Il Ris è già al lavoro, mentre le forze dell’ordine hanno istituito numerosi posti di blocco nella zona.

Il militare, 48 anni, era il carabiniere di quartiere che ogni giorno presidiava il centro storico della città ed era molto stimato nella zona, dove operava da anni. Originario di Castelleone, in provincia di Cremona, Sali in passato ha prestato servizio nella scorta del consigliere regionale di Sinistra Ecologia e Libertà Giulio Cavalli, noto per i suoi veementi attacchi alle mafie, soprattutto la ‘ndrangheta del Nord, e per questo sotto tutela per aver ricevuto minacce di morte. Separato, padre di due figlie di 21 e 15 anni, Sali era molto noto in zona: nel giugno 2008, in occasione della festa per il 194esimo anniversario dell’Arma, Sali era stato premiato perché, alla fine di marzo, aveva arrestato due romeni che avevano manomesso uno sportello bancomat in via Volturno per clonare carte di credito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiat, la Procura Nola valuta la situazione dello stabilimento di Pomigliano

prev
Articolo Successivo

Ragazza morta a Bracciano, l’autopsia esclude morte violenta e annegamento

next