Nel giorno dei risultati delle elezioni regionali in Sicilia che vedono, allo stato, il candidato del centrosinistra Rosario Crocetta in vantaggio, l’agenzia internazionale Fitch ha declassato le emissioni a lungo termine dell’ente pubblico da ‘BBB+’ a ‘BBB’. Outlook negativo. Il downgrade riflette, spiega Fitch, le aspettative relative ai conti della regione e al deficit di bilancio su cui pesa il vertiginoso aumento della spesa sanitaria. La decisione riflette l’attesa “di un periodo prolungato di deficit fiscale, con debiti finanziari e commerciali in crescita” in un contesto in cui “le risorse verranno drenate” per “mantenere il settore sanitario vicino al pareggio di bilancio”.

Lo scorso luglio Standard & Poor’s aveva confermato il rating ‘BBB+’ della Sicilia provvedendo però a sospenderlo a causa della mancanza di informazioni sufficienti. Sempre a luglio l’agenzia Moody’s aveva tagliato il rating puntando l’attenzione su 900 milioni di derivati. Durante un incontro con Mario Monti a fine luglio, l’ex presidente Raffaele Lombardo, a dimissione già annunciate, aveva proprio discusso di piano di rientro finanziario e di riorganizzazione della pubblica amministrazione regionale, che fosse  vincolante nei tempi e negli obiettivi. Poco giorni prima il premier aveva inviato una lettera, in cui esprimeva “viva preoccupazione” riguardo alla stabilità finanziaria della Regione Siciliana e l’esigenza “improcrastinabile” di provvedere a un rigoroso piano di riduzione e contenimento della spesa regionale, in simmetria con quanto si sta realizzando a livello nazionale con il decreto legge sulla spending review

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sale lo spread, scende la politica

prev
Articolo Successivo

Crisi, i dipendenti della “Cecconi” traditi da false promesse: 40 famiglie nei guai

next