Silvio Berlusconi nell’aula milanese dove si celebra il processo Ruby racconta la dinamica della notte tra il 27 e il 28 maggio 2010 quando inviò Nicole Minetti in Questura a Milano per capire cosa stesse succedendo a quella che riteneva fosse la nipote del presidente egiziano. Solo alcuni giorni prima al vertice italo egiziano Mubarak gli “confermò” che la ragazza era sua parente, anche se non sapeva che “fosse stata messa fuori di casa per una questione religiosa”. Chiamare la polizia ribadisce “mi sembrò una scelta logica opportuna doverosa”. Quando poi la consigliera regionale lombarda, ospite anch’essa delle serate, lo informò che Ruby era marocchina e minorenne la “notizia mi lasciò di stucco”. Da quel momento il Cavaliere dice di essersi disinteressato di lei giudicando la sua “condizione davvero miserevole”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo Ruby, Berlusconi: “Raccontò storia che commosse e io le diedi mio aiuto”

next
Articolo Successivo

Processo Ruby, l’audio delle dichiarazioni spontanee di Silvio Berlusconi in Aula

next