Era già indagato, ma oggi per Guido Ralph Haschke, l’intermediario svizzero-americano di Finmeccanica sospettato di essere l’uomo della mazzetta all’India nell’ambito dell’inchiesta sull’azienda, è stato arrestato. Iscritto nel registro degli indagati a Busto Arsizio (Varese) – dopo il trasferimento della Cassazione per competenza territoriale da Napoli – il manager è considerato un personaggio di rilievo nella vicenda della vendita dei 12 elicotteri di Augusta Westland all’India. Ma le manette per lui non sono scattate nell’ambito dell’indagine italiana, ora coordinata dal pm Eugenio Fusco, ma su ordine della procura federale di Lugano. L’autorità giudiziaria svizzera gli contesta l’accusa è riciclaggio

Quando il 23 aprile scorso Hascke era stato perquisito nella sua villa con vista sul lago, alla presenza dei pm di Napoli Henry John Woodcock e Vincenzo Piscitelli allora titolari dell’inchiesta, il consulente si era sentito male. A fatica gli inquirenti svizzeri e italiani erano riusciti a farlo alzare scoprendo che, proprio sotto il letto, ‍Haschke nascondeva carte delicate. Il documento più scottante però il professionista, originario di Torino, lo aveva custodito in casa della madre. I detective sapevano che il manager aveva “imboscato” delle prove perché il 3 marzo ‍era stata intercettata una conversazione in cui l’uomo rivelava: “Io, comunque, già da mesi, tutta la documentazione dove c’è il nome Agusta Westland l’ho fatta sparire dall’ufficio, contratti compresi, e ho dato tutto a mia mamma”. Nell’indagine è indagato il presidente Giuseppe Orsi, che dopo il trasferimento dell’inchiesta in Lombardia da Napoli, è stato iscritto nel registro degli indagati di Busto Arsizio. 

Secondo l’accusa – basata in parte sulle dichiarazioni di Lorenzo Borgogni, ex responsabile delle relazioni esterne di Finmeccanica e condensata in una recente informativa dei carabinieri del Noe – Augusta Westland Ltd “avrebbe riconosciuto loro un compenso complessivo di 41 milioni di euro, diventati poi 51”. Una somma che sarebbe lievitata, secondo quanto scrivono i carabinieri, per il rifiuto opposto da Haschke a Giuseppe Orsi, nel corso di un incontro a Lugano, “di sottrarre alla sua parte di compenso 10 milioni di euro da dare a Michel Christian (l’altro professionista considerato un mediatore, ndr), indicato come ‘uomo di Orsi’ che li avrebbe poi consegnati allo stesso Orsi”.

Al rifiuto di Haschke, dunque, “si pattuiva di aumentare il compenso dei due intermediari di altri 10 milioni di euro. Denaro, come detto – si legge nell’informativa del Noe – che sarebbe comunque tornato ad Orsi per soddisfare le richieste di alcuni partiti politici italiani, la Lega Nord e Cl (Comunione e liberazione), ed in particolar modo la Lega Nord, che lo avrebbero appoggiato per la sua nomina ad amministratore delegato di Finmeccanica (come raccontato a verbale anche da Borgogni, ndr) avvenuta poi effettivamente il 4 maggio 2011, in sostituzione del predecessore Piero Guarguaglini divenuto presidente del gruppo industriale”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Donna in burqa e nel Veronese il sindaco leghista firma subito ordinanza

prev
Articolo Successivo

Eccidio di Cefalonia, dopo 69 anni finisce a processo un ex sottufficiale tedesco

next