Sì vabbè, ok la Guida Michelin e quella del Gambero Rosso pure. Ma a chi preferisce una vita culinaria un po’ meno di classe chi ci pensa? La risposta è VirtualTourist, la community di viaggi fondata negli Stati Uniti a metà anni Novanta. I realizzatori del portale hanno ben pensato di stilare una classifica dei migliori ‘cibi da strada’ del mondo, si presume consapevoli del fatto che, viaggio o non viaggio, chi ha in tasca solo qualche spicciolo non necessariamente è disposto a mangiar male, anzi. 

Vediamola, dunque, questa top ten:

  1. Bangkok (Thailandia)
  2. Singapore
  3. Penang (Malesia)
  4. Marrakech (Marocco)
  5. Palermo 
  6. Ho Chi Minh (Vietnam)
  7. Istanbul (Turchia)
  8. Città del Messico (Messico) 
  9. Bruxelles (Belgio)
  10. Ambergris Caye (Belize)

Trionfa Bangkok, dunque, sul podio assieme alle altrettanto esotiche Singapore e Penang. Fiori all’occhiello della capitale thailandese il pollo al curry, il pad thai e le decine di piatti a base di mango o papaya. A premiare Singapore, invece, la possibilità di trovare, indifferentemente e con grande facilità, street food cinese, indiano o malese. Poi, dopo Penang e la marocchina Marrakech (patria del cous cous) finalmente la nostra Palermo, prima città europea della graduatoria. A incantare la “giuria” son stati i giustamente celebri piatti della tradizione: dagli arancini di riso al pani ca’ meusa, dalle panelle al sacrosanto cannolo.  Un vero e proprio trionfo di sapore, insomma, per il capoluogo siciliano.

Ma le classifiche, si sa, sono fatte apposta per essere criticate e discusse. Dunque ecco le domande che ci sono venute in mente scorrendo e riscorrendo la lista di VirtualTourist. Delle altre capitali europee che ne è stato? A parte il nono posto di Bruxelles (consigliati caldamente patate fritte al cartoccio e waffle incandescenti) c’è il vuoto assoluto, a mano di non voler considerare Istanbul (settima) una capitale europea a tutti gli effetti. E poi, onore a Palermo, ma siamo certi che nessun’altra città italiana meritasse una citazione? Saper mangiare bene, ovunque e a qualsiasi ora, dovrebbe essere una prerogativa nazionale: possibile che crisi, “americanizzazione” dei cibi veloci e sciagurate ordinanze ci abbiano privato anche di questo? 

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Confessioni eno-fighette atto I: il Valle d’Aosta Torrette

next
Articolo Successivo

La ricetta del sabato di Alessia Vicari: conserva di pomodorini confit

next