Standard & Poor’s declassa l’affidabilità creditizia della Spagna fino a un livello sopra al grado di non investimento. Tra le ragioni S&P cita l’inefficacia dell’Europa nel rompere il legame tra debito sovrano e banche. Le obbligazioni del paese ora affrontano il rischio di una vendita forzata da parte degli investitori che seguono gli indici di riferimento per decidere il portafoglio. La Banca centrale europea ripete che comprerà debito sovrano solo se i governi accetteranno certe condizioni.

Fausto Panunzi – Professore di economia politica dell’Università Bocconi da Milano: “In Spagna è un problema di debito delle banche passato al settore pubblico, il che spiega l’intensità delle proteste contro le misure di austerità, in Italia invece c’è un problema di spesa pubblica, evidenziato dai recenti fenomeni di corruzione e clientelismo, che deve essere ridotta e utilizzata in modo più efficiente”.


Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La troika ad Atene: “Evacuate le isole con meno di centocinquanta abitanti”

next
Articolo Successivo

Aiuti Ue, da Atene a Dublino montagna di soldi alle banche. Ai cittadini sacrifici

next