Mio fratello Ambrogio è un pirla, ma non ha mai fatto accordi con la ‘ndrangheta. E’ un abbaglio dei magistrati”. Luigi Crespi blogger ed ex sondaggista per Berlusconi parla dell’arresto del fratello Ambrogio che, secondo i magistrati della Dda di Milano, avrebbe tenuto contatti con le ‘ndrine calabresi per garantire all’ex assessore alla Casa della Regione Lombardia Domenico Zambetti voti di scambio. “Ma figurarsi, quando si è candidato alle comunali a Milano qualche anno fa ha preso poche centinaia di voti – dichiara ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – come avrebbe potuto procacciare pacchetti di voti per questo Zambetti che neanche conosce? Qualcuno tra quelli coinvolti nell’inchiesta ha millantato il nome dei Crespi” 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Costa Concordia, Schettino licenziato chiede il reintegro e gli arretrati

next
Articolo Successivo

Catanzaro, nelle carte della dda spuntano i rapporti tra clan e massoneria siciliana

next