Incidere sulla regola aurea dell’ordine democratico, e cioè che è il popolo a decidere i propri rappresentanti, è inquietante. Ne è convinta Ilda Boccassini, coordinatrice della Direzione distrettuale antimafia che ha condotto l’indagine su Domenico Zambetti, assessore regionale accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e voto di scambio. Secondo il magistrato questa vicenda dimostra ancora una volta come la ‘ndrangheta inquini la vita politica di Milano e della Lombardia: “Il fatto che un candidato si rivolga alla criminalità organizzata come fosse una holding in grado di portare voti  è un qualcosa di devastante per il principio stesso della democrazia”  di Lorenzo Galeazzi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lombardia, arrestato l’assessore Zambetti: pagò i voti all”ndrangheta

next
Articolo Successivo

Formigoni: “Arresto Zambetti? Notizie di reato gravi”

next