Nelle more dell’indecisione politica, Luca di Montezemolo si improvvisa banchiere. Il presidente della Ferrari che era entrato nel consiglio di amministrazione di Unicredit la scorsa primavera con il sostegno del fondo sovrano di Abu Dhabi, uno dei maggiori azionisti dell’istituto milanese con il 6,5% del capitale, sarà  infatti il nuovo vicepresidente della seconda banca italiana al posto del dimissionario Khadem Al Qubaisi, che ha lasciato l’incarico lo scorso 3 ottobre “data l’impossibilità di adempiere, suo malgrado, alle incombenze connesse al suo ruolo a causa di rilevanti obblighi professionali concomitanti”.

Il comitato governance dell’istituto proporrà la nomina al prossimo consiglio di amministrazione in calendario per il 18 ottobre accanto a quella del nuovo consigliere Mohamed Ali Al Fahim,  che è responsabile della divisione finanza dell’International Petroleum Investment Company (Ipic), società di investimenti interamente detenuta dal Governo di Abu Dhabi e controllante di  Aabar, intestataria della quota degli arabi in Unicredit.

Il numero uno del Cavallino Rampante – che è di casa ad Abu Dhabi fin da quando l’Emirato rilevò il 5% della Ferrari  (poi ricomprato dal gruppo Fiat) e le sue relazioni in quella parte del mondo arabo si sono rafforzate negli anni, fino a sfornare nel 2010 il Ferrari World Abu Dhabi, il più grande parco tematico coperto del pianeta – va ad affiancare gli altri tre vicepresidenti: Fabrizio Palenzona, Candido Fois e Vincenzo Calandra Buonaura, espressi dalle fondazioni socie della banca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge di Stabilità, Confcommercio stima perdita consumi tra 5 e 7 miliardi

prev
Articolo Successivo

Impregilo, la guerra Gavio-Salini torna in Procura: indagato il costruttore romano

next