Fine settimana intenso per gli appuntamenti dedicati al genere. Per chi vuole andare oltre il binarismo eterosessista tipicamente italiano che vuole il mondo diviso in maschile e femminile c’è il festival Weird a Roma. Fino a domani prende vita l’happening che affronta le tematiche legate “all’euforia di genere” con eventi tra musica, scienza, arti visive, cinema, teatro e moda. Al Forte Prenestino ci si occupa del corpo considerandolo al di là delle categorie uomo e donna, come simbolo di identità, appartenenza e libertà. Al centro dell’indagine il corpo in transizione del transessuale, dell’intersessuale (chiamato anche ermafrodito), queer. E ancora, il corpo performato delle pratiche Bdsm (acronimo di bondage disciplina dominazione sottomissione sadomasochismo) e quello dei diritti negati.

Tre giorni durante i quali il concetto di genere verrà considerato da un punto di vista internazionale attraverso dibattiti, workshop, concerti, performance, spettacoli e presentazioni, in uno scambio poliedrico e labirintico tra arte urbana ed accademica, scienza ed underground, letteratura e mondo digitale. Il festival è aperto anche ai e alle neofite con workshop ad hoc, come ad esempio quello di “sadomaso per principianti” a cura di Nita oppure quelli di Drag king e Drag queen a cura del gruppo romano Eyes Wild Drag. Non mancheranno poi gli appuntamenti legati al post-porno con il laboratori della spagnola Diana J. Torresla performance Post-porn beats di Slavina.

Di genere si parlerà anche al festival Lesbiche Fuorisalone di Milano, in corso fino al 7 ottobre. L’evento, alla sua seconda edizione, ha il patrocinio del Comune di Milano. Ci saranno film, concerti e conferenze aperte a tutte e a tutti come ad esempio quella dal titolo “Caro sono lesbica! Cara sono gay!”: le separazioni, i vissuti, il dialogo con i figli quando uno dei coniugi si rivela omosessuale, che ha il patrocinio dell’Ordine degli assistenti sociali della Regione Lombardia. Ma si parlerà anche di queer, sabato mattina a Scienza politiche, e di storia, con Eva Cantarella che terrà una lezione su Saffo e le lesbiche. Il tutto in location suggestive come Palazzo Morando, la Biblioteca di Parco Sempione e la Palazzina Liberty.

Sempre legato al genere ma in un ottica non queer – stando almeno al programma – anche l’evento che si terrà a Paestum. Nella cittadina campana ci sarà la tre giorni dal titolo “Primum vivere, anche nella crisi la rivoluzione necessaria. La sfida femminista nel cuore della politica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Solintreno, il “book” (di foto) su cosa si legge tra stazione e stazione

next
Articolo Successivo

Norberg-Hodge, la lady dell’ecologia: “Crisi? Nuove regole e meno global”

next