Un blitz della guardia di finanza in Regione è scattato questa mattina, attorno alle 10.10, mentre era in corso l’assemblea legislativa proprio sui tagli alle spese dei gruppi consiliari. La finanza – dopo l’apertura del fascicolo contro ignoti per peculato – è alla ricerca di tutte le fatture degli ultimi anni.

A Bologna la finanza in Regione si era già presentata diverse settimane fa: ieri è stata formalizzata la costituzione di un pool guidato da due pubblici ministeri e cinque uomini delle Fiamme gialle che, da qui ai prossimi mesi, lavoreranno solo sulla destinazione che hanno fatto i soldi destinati ai gruppi consiliari. La Procura a Bologna è da tempo che segue il profumo dei soldi. Lo aveva fatto con le interviste in tv a pagamento. Era da quel gruzzolo mal giustificato che i consiglieri, dal Movimento 5 stelle al Pd, fatta eccezione solo per l’Italia dei Valori, prelevavano i soldi che giravano sui conti correnti delle televisioni private per interviste, trasmissioni, dibattiti.

E sempre appresso ai soldi è corsa la Guardia di finanza quando si è trovata a indagare sul consigliere Paolo Nanni, oggi allontanato dall’Idv, indagato per peculato, causa la gestione allegra dei fondi del suo gruppo regionale nella passata legislatura: in una sera avrebbe cenato in quattro ristoranti diversi. Nessuna ricevuta nella passata legislatura. Ma non è solo Nanni il protagonista di quella che sembra destinata a diventare una grande abbuffata. A Bologna, in Regione, nella passata legislatura, né i consiglieri dell’Udc né quelli di Rifondazione comunista e neppure quelli di Alleanza nazionale, hanno presentato per 5 anni uno straccio di giustificativo. Quando i finanzieri hanno chiesto dove fossero le ricevute hanno dovuto chiamare uno a uno i consiglieri, e ancora oggi non è dato sapere se tutti quei soldi siano giustificati da fatture o ricevute. Il caso di Nanni potrebbe anche essere uno tra gli altri.

Mancano giustificativi per milioni di euro. A Bologna, parlare di fulmine a ciel sereno, è improprio. Fonti vicine alla Procura, a ilfattoquotidiano.it avevano già confermato che l’avvio di un’inchiesta era l’atto conseguente alla mancanza delle fatture. E non parliamo di pochi spiccioli: tanto per dare un’idea, solo nel 2010, Alleanza nazionale, aveva un rendiconto di 110. 000 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, il nuovo amministratore esecutivo del Regio è un ex senatore dell’Ulivo

next
Articolo Successivo

Soldi ai gruppi consiliari, secondo giorno di perquisizioni della Finanza

next