Prima udienza del processo per “furto aggravato” di documenti e valori nell’appartamento del Papa. L’imputato Paolo Gabriele è presente in aula, mentre l’imputato Claudio Sciarpelletti è rappresentato dal suo avvocato, rende noto la sala stampa della Santa Sede. L’informatico della Segreteria di Stato – accusato solo di favoreggiamento – ha scelto così di tutelare la propria privacy. I processi dei due imputati, secondo quanto ha deciso il Tribunale vaticano su richiesta della difesa dell’informatico, procederanno separatamente. 

L’udienza è iniziata alle ore 9.30, presso il tribunale dello Stato della Città del Vaticano. Il collegio giudicante è composto dal professor Giuseppe Dalla Torre, presidente; professor Paolo Papanti-Pelletier, giudice; professor Venerando Marano, giudice. Promotore di Giustizia è il professor Nicola Picardi. Gli avvocati difensori sono rispettivamente, per Paolo Gabriele Cristiana Arru, per Claudio Sciarpelletti Gianluca Benedetti. Paolo Gabriele rischia una pena fino a quattro anni di carcere, un massimo di tre per il furto dei documenti e uno in più per l’aggravante. Sciarpelletti, tecnico informatico dipendente della segreteria di Stato, rischia invece fino a un anno di detenzione. 

Il Tribunale vaticano inoltre ha fissato a martedì 2 ottobre, la seconda udienza del processo, che procederà per il solo Paolo Gabriele, ex maggiordomo del Papa. L’udienza, ha detto il presidente Dalla Torre, sarà dedicata all’interrogatorio dello stesso Gabriele e ad altre deposizioni. Sempre secondo il presidente, il processo al maggiordomo dovrebbe concludersi al massimo nelle prossime quattro udienze. 

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, tenta il suicidio in carcere giudice condannato per ‘ndrangheta

next
Articolo Successivo

Omicidio di Lignano, rilasciati i quattro inviati italiani arrestati a Cuba

next