La procura di Roma ha indagato per il reato di frode sportiva il marciatore altoatesino Alex Schwazer, ex fidanzato di Carolina Kostner. Schwazer è stato escluso dalle Olimpiadi di Londra perché risultato positivo all’Epo ad un controllo antidoping. Il fascicolo è stato aperto dalla Procura della capitale sugli atti ricevuti dalla procura federale antidoping del Coni.

A piazzale Clodio è stato avviato un fascicolo in base agli atti ricevuti dalla Procura Antidoping del Coni, ma l’incartamento potrebbe essere trasmesso alla Procura di Bolzano che ha avviato da mesi una inchiesta. 

Nel corso di una conferenza stampa ammise tra le lacrime l’utilizzo dell’Epo: “Io non sono fatto per drogarmi e per imbrogliare. E psicologicamente e moralmente non ce la facevo più. Quel giorno potevo dire a mia madre di dire che non c’ero e non sarebbe successo niente. Ma alle Olimpiadi non sarei andato lo stesso. Non avrei mai trovato la forza di gareggiare”. L’atleta ha deciso di chiudere definitivamente con lo sport. Il doping, reato legato alla frode sportiva, prevede pene tra i tre mesi e tre anni di reclusione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cagliari-Roma, 0-3 a tavolino. Abete: “Cellino, comportamento inaccettabile”

prev
Articolo Successivo

“La mia squadra ha venduto la partita? Test della verità per giocatori e tecnici”

next