Smantellata. Meglio: azzerata. Con 164 arresti e 177 denunce nel corso di un anno (stanotte le ultime otto persone portate in carcere), gli agenti delle squadra mobili delle Questure di Bari e Foggia hanno messo con tutta probabilità la parola fine sull’attività di una banda specializzata in rapine a portavalori, autotrasportatori ed esercizi commerciali.

Nello specifico, l’operazione “Border less“, avviata nel settembre 2011, ha sferrato un colpo micidiale alla criminalità cerignolana e andriese e di altri comuni compresi tra le province di Foggia e Bari, nonché facenti parte di un’organizzazione attiva su tutto il territorio nazionale. Le indagini sono state avviate nel settembre 2011 dal Servizio Centrale Operativo, dal Servizio Polizia Stradale, dalle Squadre Mobili di Foggia e Bari, nonché dai Commissariati di Cerignola e Andria. Nell’ambito del blitz di oggi sono stati sequestrati una pistola, un fucile a canne mozze e 300 munizioni. Complessivamente, nel corso delle indagini, sono state sequestrate 12 pistole, 2 fucili, un fucile mitragliatore kalashnikov, 750 chilogrammi di polvere pirica, 800 munizioni di vario calibro e 261 autoveicoli di provenienza illecita.

Secondo quanto accertato nel corso delle indagini, esponenti della criminalità cerignolana e andriese avevano costituito alcuni sodalizi criminali dediti a rapine in danno di furgoni portavalori e di autotrasportatori pregiudicati, inclini ad attività criminali, che operavano sul territorio nazionale. Un’attività criminale che, negli ultimi anni, aveva fatto registrare una considerevole recrudescenza nei territori delle province di Foggia, Barletta-Andria-Trani e Bari. La banda, come detto, tuttavia operava su gran parte del territorio nazionale utilizzando tecniche paramilitari con l’uso di armi “ad alto volume di fuoco” e materiale esplosivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brescia, la conferma della Siae: gonfiati i numeri della mostra su Matisse

prev
Articolo Successivo

Rogo nel deposito dei cinesi. Il leghista: “Nessun morto? Che peccato”

next