“Mi hanno contattato in questa settimana tre olgettine per fare un film reale con loro sul bunga bunga“. Lo ha rivelato ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24, Rocco Siffredi, che però ha precisato di aver declinato l’offerta. “Ho rifiutato perchè non mi piace speculare” – afferma il porno-attore – “E infatti non mi è piaciuto per niente il film fatto con la povera Sara Tommasi. E’ stata un’operazione molto vergognosa. Anzi, vergognosa è dir poco”. Siffredi confessa di conoscere molto bene chi sta dietro la Tommasi: “Sono stato addirittura contattato da queste persone per girare la seconda parte del film, proponendomi cifre da capogiro in questi tempi di crisi. Ho detto loro di non permettersi più di chiamarmi. L’idea mi faceva solo schifo” – continua – “Mi dispiace che Sara, che nel film era drogata e imbalsamata, abbia fatto quella fine. Ormai è vittima di un mix bestiale di droghe e di psicofarmaci“. A Cruciani che gli chiede chi è, secondo lui, il Siffredi della politica, l’attore risponde: “Indubbiamente ‘the number one’, ‘the president’, Berlusconi. La Minetti per me è un gancio per arrivare a lui” – prosegue – “mi piacerebbe fare un film con lei, ma perchè viene da Berlusconi, è stata formata da lui e quindi lei sa come va fatto un certo genere di film”. Siffredi omaggia anche il leader dell’Idv: “Un altro all’altezza di Berlusconi è Di Pietro, mi sembra uno che ci dà dentro“. Ma puntualizza: “Il problema è che è sempre incazzato. Secondo me, chiava poco”  di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Camusso (Cgil): “Il Governo non sa cosa fare per la crescita e lo sviluppo”

prev
Articolo Successivo

Renzi, una platea con ex Dc e leghisti curiosi: ‘Lui è il nuovo del Pd, forza Matteo’

next