“Mi hanno contattato in questa settimana tre olgettine per fare un film reale con loro sul bunga bunga“. Lo ha rivelato ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24, Rocco Siffredi, che però ha precisato di aver declinato l’offerta. “Ho rifiutato perchè non mi piace speculare” – afferma il porno-attore – “E infatti non mi è piaciuto per niente il film fatto con la povera Sara Tommasi. E’ stata un’operazione molto vergognosa. Anzi, vergognosa è dir poco”. Siffredi confessa di conoscere molto bene chi sta dietro la Tommasi: “Sono stato addirittura contattato da queste persone per girare la seconda parte del film, proponendomi cifre da capogiro in questi tempi di crisi. Ho detto loro di non permettersi più di chiamarmi. L’idea mi faceva solo schifo” – continua – “Mi dispiace che Sara, che nel film era drogata e imbalsamata, abbia fatto quella fine. Ormai è vittima di un mix bestiale di droghe e di psicofarmaci“. A Cruciani che gli chiede chi è, secondo lui, il Siffredi della politica, l’attore risponde: “Indubbiamente ‘the number one’, ‘the president’, Berlusconi. La Minetti per me è un gancio per arrivare a lui” – prosegue – “mi piacerebbe fare un film con lei, ma perchè viene da Berlusconi, è stata formata da lui e quindi lei sa come va fatto un certo genere di film”. Siffredi omaggia anche il leader dell’Idv: “Un altro all’altezza di Berlusconi è Di Pietro, mi sembra uno che ci dà dentro“. Ma puntualizza: “Il problema è che è sempre incazzato. Secondo me, chiava poco”  di Gisella Ruccia

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camusso (Cgil): “Il Governo non sa cosa fare per la crescita e lo sviluppo”

next
Articolo Successivo

Renzi, una platea con ex Dc e leghisti curiosi: ‘Lui è il nuovo del Pd, forza Matteo’

next