“Mi tremano le vene ai polsi al pensiero della bufera di polemiche che ci investirà, ma è un nostro dovere, non possiamo tirarci indietro”. Giancarlo Caselli cita Paolo Borsellino per descrivere l’ostilità bipartisan con cui è stata accolta la nuova inchiesta sulla trattativa Stato-Mafia condotta dal Pm Antonio Ingroia e il pool antimafia siciliano. Un clima avverso creatosi sopratutto per gli imputati eccellenti che dovranno presentarsi a quel processo. “I magistrati, le forze dell’ordine e tanti della società civile hanno salvato l’Italia. Dopo le stragi il magistrato Nino Caponnetto diceva disperato è tutto finito non c’è niente da fare. Invece abbiamo avuto la forza di alzarci e resistere. E un grande merito va a questi magistrati”. Alla domanda se il clima di ostilità verso la magistratura che si respira ultimamente in Italia nei diversi schieramenti politici è stato causato dal conflitto di attribuzioni sollevato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano Caselli risponde: “Non posso dare giudizi come uomo delle istituzioni, però i dubbi sull’opportunità di sollevare un conflitto sono legittimi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ingroia: “Le 150mila firme sono un reale sostegno”

next
Articolo Successivo

Oliviero Toscani: “Ecco le foto migliori dei lettori”

next