“E’ arrivato il vento del cambiamento!” hanno gridato in tanti dopo la vittorie dei sindaci Pisapia e De Magistris, il raggiungimento del quorum ai referendum, o l’esplosione del Movimento 5 Stelle.

Gli italiani vogliono il cambiamento! Affermano tutti i partiti, di destra, di centro, di sinistra.

Ne parlano i giornali, ne parlano i politici, ne parlano gli opinionisti. Ma sempre in modo superficiale, vago, astratto.

Eppure, mentre il mondo della politica e dei mass media, in modo sempre più autoreferenziale, continua a raccontare e a raccontarsi di un Paese decadente, volgare e immobile, lontano dai riflettori, dai reality show e dai talk show, si è andata affermando un’altra Italia che sta cambiando veramente.

E’ un’Italia complessa, variegata e multiforme fatta di singoli e movimenti, di artigiani, laureati e contadini. Un’Italia fatta di giovani e anziani, donne e uomini, amministrazioni virtuose e imprenditori. Di chi cerca di cambiare il mondo e di chi lotta per cambiare se stesso.

L’Italia di quelli che hanno abbandonato il lavoro tradizionale per inseguire un sogno, di quelli che hanno lasciato la città per costruire un ecovillaggio o un co-housing e di quelli che invece sono rimasti nella loro città e stanno cercando di cambiarla tramite il metodo delle transition town o le teorie della decrescita.

L’Italia del bioregionalismo, dell’ecologia profonda, dei gruppi di acquisto solidale, dei farmer market, dei rifiuti zero, della filiera corta, del consumo critico e solidale, del ritorno alla campagna, della permacultura e dell’agricoltura sinergica, del parto in casa e delle scuole famigliari.

Di chi vive con poco e di chi cambia poco per volta.

Un’Italia che non aspetta che siano altri ad agire, ma che – spesso silenziosamente – si è messa in moto.

Da nord a sud, vive e palpita un’Italia diversa!

Ma sarà vero… O sono solo chiacchiere? Ennesimi fenomeni virtuali, che servono a riempire le chat e a placare le coscienze?

Voglio scoprirlo, voglio raccontarlo.

Sono questi, infatti, i temi di cui mi occupo con il mio lavoro da giornalista (qui il mio giornale: www.ilcambiamento.it) da oltre 10 anni. Ma troppo spesso – per mancanza di risorse – ho dovuto farlo a distanza, stando seduto nella mia stanza, scrivendo al mio computer, chattando, telefonando.

Ma ora basta. Sono stanco di sentire parlare di spread e leggi elettorali. Voglio riprendere contatto con la vita vera, la vita delle persone. La vita di chi reagisce a questa crisi economica, sociale, ambientale prendendosi la responsabilità delle proprie azioni.

Ci siamo. Domenica 9 settembre salirò sul mio camper e lascerò i monti liguri, in cui mi trovo in questo momento, per iniziare un percorso lungo cinque mesi (qui l’itinerario provvisorio del viaggio)  che mi porterà ad attraversare lo stivale da nord a sud, isole comprese. La data non è casuale. Il 9 settembre era il compleanno di mio nonno. Un uomo che mi ha insegnato tantissimo e a cui devo molto di ciò che sono oggi. E poi, se si vuole pensare al futuro bisogna partire dalle nostre radici.

Volete scoprire l’altra Italia? Venite con me.

Il sito del progetto: www.italiachecambia.org

Al termine del viaggio realizzerò un libro e un documentario che racchiuderanno questa esperienza.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poker e legge: l’ambiguità del Decreto Sanità

next
Articolo Successivo

Premio Ilaria Alpi: tra i vincitori video su Ilva, camorra e carceri

next