Doppio oro per l’Italia alle Paralimpiadi di Londra. Alessandro Zanardi ha vinto la medaglia d’oro alle Paralimpiadi di Londra 2012 nella prova a cronometro di handbike. Zanardi ha trionfato nella gara di 16 km con il tempo di 24’50“22. Medaglia d’argento al tedesco Norbert Modandl (25’17“40) e bronzo allo statunitense Oscar Sanchez (25’35“26). In precedenza vittoria e record del mondo per l’azzurra Assunta Legnante nella finale del lancio del peso F11/12 alle Paralimpiadi di Londra. L’atleta italiana – che aveva già partecipato ai Giochi olimpici di Atene e Pechino tra i normodotati – ha realizzato il nuovo primato mondiale con la misura di 16.74 metri staccando così nettamente le avversarie, seconda la cinese Tang Hongxia che ha raggiunto i 12.47, terza l’altra cinese Zhang Liangmin, 11.07. Campionessa europea indoor nel 2007, prima di perdere la vista a causa di un glaucoma congenito, la Legnante ha superato il suo precedente record che era di 15.89 metri.

Per l’Italia è arrivata anche un’altra medaglia dal ciclismo. Si tratta dell’argento conquistato dal tandem dei fratelli Ivano e Luca Pizzi, impegnati sui 24 km e arrivati in 30’50″41 alle spalle della coppia spagnola Verge-Llaurado (30’48″25) e davanti agli irlandesi Brown-Shaw (31’13″00). “Non ci è stato comunicato dall’ammiraglia che stavamo lottando per l’oro, pensavamo di dover combattere solo per un piazzamento – commentano i due fratelli – Brucia aver perso la medaglia più importante per soli due secondi”.

L’Italia, con i risultati di oggi, ha raccolto 5 medaglie d’oro, 5 d’argento e 5 di bronzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paralimpiadi, bronzo per la cantante Annalisa Minetti nei 1500 metri

next
Articolo Successivo

Boxe, sabato ultima difesa ‘mondiale’ per Vitali Klitschko. Poi la corsa a premier

next