La giustizia Usa si muove sullo scandalo della manipolazione del tasso Libor e chiama a comparire sette grandi istituti americani ed europei, anche se la lista potrebbe allungarsi. Intanto Standard and Poor’s avvisa che la vicenda potrebbe mettere a rischio gli utili delle banche britanniche, già impegnate in una faticosa ripresa. Dopo le polemiche sulle responsabilità fra le autorità di controllo dei mercati sulle due sponde dell’Oceano, sono ora i Dipartimenti di giustizia degli Stati di New York e del Connecticut, secondo quanto riportano diversi media internazionali, a chiamare a comparire sette grandi istituti: Citigroup, Ubs, Royal Bank of Scotland, Deutsche Bank, Hsbc, Jp Morgan e Barclays. Una lista che, secondo le fonti, potrebbe anche allagarsi ad altri istituti di credito. Diverse banche coinvolte hanno peraltro confermato di aver ricevuto fino a ora richieste di informazioni e documentazione dalle autorità di controllo.

L’indagine arriva dopo la multa da 453 milioni di dollari erogata a Barclays (i cui vertici si sono dimessi uno dopo l’altro il mese scorso) dalle autorità di controllo Usa e del Regno Unito dopo l’ammissione di aver manipolato, fra il 2005 e il 2009, il tasso interbancario Libor, utilizzato non solo per calcolare i mutui ma anche una vastissima gamma di prodotti finanziari, tra cui obbligazioni e titoli di Stato emessi da enti locali e governi. Una circostanza che, secondo alcuni media, avrebbe indotto la giustizia americana a intervenire. L’indice, e il suo metodo di calcolo basato sulla media dei valori forniti da sedici banche che hanno poi creato un vero e proprio cartello, è oramai considerato non affidabile e soggetto a numerose falle. Il dibattito su una sua profonda modifica vede diversi osservatori e le stesse autorità britanniche puntare su una soluzione che veda l’intervento degli organismi di vigilanza. Anche gli altri indici di riferimento come l’Euribor o il giapponese Tibor sono al centro della dialettica, sebbene i loro metodi di calcolo si basino su una metodologia più ampia e rappresentativa.

E per Standard and Poor’s lo scandalo Libor, su cui anche la Procura di Trani ha aperto un’inchiesta per manipolazione aggravata, potrebbe pesare sui risultati del 2012 e del 2013 delle banche britanniche, già impegnate in una faticosa ripresa. Per l’agenzia non è a rischio l’affidabilità del rating del settore ma lo scandalo è solo l’ultimo di una lunga serie, fra cui i casi di riciclaggio, che dura dallo scoppio della crisi nel 2008. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook ha perso metà del valore in Borsa. Oggi scaduto divieto di vendita

next
Articolo Successivo

Dare i numeri: le liberalizzazioni con i dati sbagliati

next