Pietro Cannella e Massimo Corsaro, entrambi del Pdl, hanno chiesto ufficialmente che il Parlamento apra una commissione di inchiesta per fare luce sulla “presunta trattativa tra Stato e mafia a cavallo delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio e sulla liberazione di 300 mafiosi dal carcere duro” previsto dall’articolo 41 bis del regolamento carcerario. I due, durante una conferenza stampa a palazzo Montecitorio a cui ha partecipato anche l’ex ministro Giorgia Meloni, fanno sapere di non avere “alcun imbarazzo politico” per il fatto che si siano chiamati in causa più volte Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri

L’ inchiesta, hanno continuato gli onorevoli, “non può e non vuole sovrapporsi” con quella condotta da tempo dalla commissione antimafia: il suo ambito “sarebbe più strettamente politico-istituzionale” e riguarderebbe il comportamento degli organi dello Stato, “in primis presidente del Consiglio e ministri dell’epoca”. Nella presentazione del provvedimento la chiave “politica-istituzionale” è quella principale, ribadiscono i deputati. E’ necessario infatti “fare luce sulle vere responsabilità dei governi e degli esponenti dei primi anni Novanta. Alcuni protagonisti di quelle vicende sono venuti a mancare,ma ce ne sono altri che all’epoca erano al Viminale e a Palazzo Chigi e che hanno il dovere di dare un tributo alla verità, alla memoria di Paolo Borsellino e di tutti i martiri della lotta alla mafia”.

La spinta a questa richiesta, ha spiegato Cannella, “è arrivata dopo avere partecipato, all’ultima fiaccolata che si è tenuta a Palermo il 19 luglio. Abbiamo ora l’occasione di lasciare una traccia e un contributo alla verità chiedendo al Parlamento di scrivere una pagina importante della storia di una fase buia e poi questo può essere il modo migliore per ricordare il sacrificio dei due giudici e di tutte le vittime della mafia”.

Corsaro ha sottolineato che non si tratta, “ di una iniziativa direttamente politica”, l’importante ha continuato è che sia fatto un “definitivo approfondimento” affinché si possa togliere il “più recondito dubbio che lo Stato abbia potuto abbassare la guardia o peggio venire a patto con chi ha realizzato quelle morti cruenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Monti banderuola, ma quanti schiaffi dal Caimano

next
Articolo Successivo

Trattativa, Meloni: “Anche il Pdl vuole Commissione di inchiesta”

next