Altro che abiti succinti, décolleté in vista e tacchi vertiginosi, ad ammorbidire il cliente basta un colore:  il rosso. E’ scientificamente provato: le cameriere che vestono di rosso hanno il 26 per cento di mance in più rispetto alle altre. Manco a dirlo, a subire il fascino di questo colore, indipendentemente dall’abito indossato dalla cameriera, sono i maschi.  

Lo dimostra una ricerca pubblicata sul Journal of  Hospitality and Tourism Research secondo la quale  si tratta di un processo inconscio che, addirittura, porta il cliente maschio a dare fra il 15 e il 26 per cento di mancia in più alla stessa cameriera, semplicemente di fronte all’uniforme rossa. Ad analizzare il fenomeno, gli scienziati dell’Università della Bretagna del Sud, in Francia, che hanno monitorato le mance di 11 cameriere di cinque locali nell’arco di sei mesi notando come una t-shirt bianca, nera, verde, blu e gialla portava praticamente le stesse mance, mentre quando le ragazze si vestivano di rosso, i 272 clienti che hanno servito in questo periodo diventavano improvvisamente più generosi. Lo stesso team aveva in precedenza dimostrato che per suscitare lo stesso effetto è sufficiente un rossetto rosso. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ciclisti maleducati: quello che manca è la formazione?

prev
Articolo Successivo

L’Enrica, il mastino della Bassa mantovana

next