Lele Mora non si chiamerà più Lele, nomignolo usurato dal successo, bensì “Gabriele”, come lo chiamava la sua mamma. Sorride soave nella prima fotografia fuori dal carcere, esibisce i 50 chili persi in 400 giorni di detenzione. Il Billionaire avrebbe potuto organizzare un catering fra Rebibbia e San Vittore, ne passano di clienti, invece niente. Tocca dimagrire. Cioè: non tutto il male viene per nuocere.

Per esempio: la restrizione della libertà di passare da un orgia all’altra, e, spesso, con pesanti oneri organizzativi, ha regalato al nostro Gabriele un tesoretto di tempo per pensare. L’attività, a lui del tutto sconosciuta, ha dato risultati preziosi. Egli ha scoperto che: “aveva tolto le carezze ai suoi figli” per sistemarle altrove, era stato “arrogante con i giornalisti e con i comunisti”, da piccolo “calpestava il grano con i piedi nudi”, mentre da grande si aggirava “con le bistecche sugli occhi” fra amori sbagliati.

Per il futuro progetta di chieder scusa a tutti, “coccolarsi” con i suoi figli e continuare a riflettere. La palingenesi commuove. Un’unica perplessità: ha senso dedicare una intera pagina de La Stampa, ad un presunto puttaniere e bancorottiere, per illustrarci i suoi buoni proponimenti?

Il Fatto Quotidiano, 5 agosto 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La parabola di Alessio Vinci (..e Mediaset)

next
Articolo Successivo

Banda larga e fibra ottica, “l’alta velocità” che manca all’Italia

next