Un giorno, ormai immemore, a Mediaset capirono: è più facile non dare una notizia che manipolarla. Vuoi mettere, la fatica. E così avanzò il modello varietà e nullità: salottini, filmini, giochini. Belle facce, avanti e indietro. Spensierati. L’informazione che emanava la Rai, amici sempre amati, era perfetta: certo, qualcuno dava fastidio, però il coro dei Vespa e dei Floris suonava bene. Cacciato Enrico Mentana, che si permise di contestare la linea editoriale, arrivò l’americano con mamma veneziana e papà messinese, Alessio Vinci.

Non è stato velocissimo. Ha impiegato tre anni per distruggere Matrix. Ma più rapidamente ha provocato la fuga dei migliori redattori. Ha un bel contratto, ottimi agganci, e soprattutto ha svolto la missione in maniera esemplare: tutti si ricordano di Matrix soltanto per l’intervista sdraiata a Silvio Berlusconi e quella inchinata al comandante Francesco Schettino. Apprezzato per i balletti con Alfonso Signorini, l’azienda l’ha premiato, finalmente: andrà a condurre il pomeriggio di Canale 5, un contenitore che può ospitare qualsiasi personaggio e qualsiasi cavolata, e dunque un Vinci non fa mica difetto. Le notizie di Canale 5, scusate le parole eccessive, sono affidate al gruppo fanteria del telegiornale. Mani callose, rodate e abbastanza disastrose con gli ascolti. Ma non ditelo al direttore Clemente Mimun, che poi si offende.

Il dramma del Biscione è profondo: sono costretti a fabbricare un’idea, e non possono nemmeno rivolgersi a Pier Silvio Berlusconi. Vanno capiti, sentono la fretta. Perché La7 continua a riempire il palinsesto con vagonate di programmi e la Rai, consegnata ai tecnici, potrebbe persino svegliarsi o quantomeno muovere un arto. A Mediaset sono preoccupati per il bilancio, non ci sono più i guadagni di un tempo e, per la prima volta in vent’anni, dovranno azzerare gli investimenti, dopo averne sbagliati parecchi. Il digitale terrestre non funziona, il campionato italiano e le coppe europee d’estate fanno la muffa, e gli abbonamenti non crescono mentre il calcio scoppia o riposa. Gli Europei a giugno e le Olimpiadi a luglio-agosto segnano la differenza con il servizio pubblico (anche se li trasmette malissimo) e il satellite di Sky.

La campagna acquisti di Mediaset è identifica a quella del Milan: non riescono a comprare, non possono neanche spendere molto. S’accontentano di usati sicuri o nuovi insicuri. Hanno diretto il carrello verso La7, quasi disperati, ma sono tornati senza fare la spesa. La raccolta pubblicitaria perde oltre il 20 per cento, e non c’è più benzina per tentare un allungo. Il Biscione resta fermo oppure scambia le pedine: toglie Vinci, mette il Tg5. E sono convinti che qualcuno noterà il cambiamento, bontà loro. Rimpiangono l’Eros olimpico che invade le concorrenti. L’Eros che resiste, persino in Rai, nonostante la lontananza e la confusione. Oggi Mediaset può addirittura invidiare viale Mazzini. Chi l’avrebbe mai detto?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Come si misura la reputazione digitale

prev
Articolo Successivo

Si chiama Gabriele ma non è un angelo

next