Fino a qualche giorno fa l’accordo sembrava vicino. Ma i potenziali acquirenti negano. La China Railway Construction Corp. (Crcc) ha smentito di aver raggiunto un accordo con l’Inter per l’acquisto del 15% delle quote azionarie del club italiano. Lo ha riferito in un comunicato stampa diffuso alla borsa di Shanghai e ripreso dall’agenzia Nuova Cina, la stessa Crcc. Nel comunicato si precisa che la controllata dalla Crcc, la China Railway 15th Bureau Group, ha avuto colloqui con la società calcistica italiana per la costruzione di un nuovo stadio a San Donato.

Eppure era stata la stessa società milanese a diramare qualche giorno fa una nota con cui rendeva noto che la famiglia Moratti avrebbe continuato a mantenere il controllo della società, mentre il gruppo di investitori cinesi sarebbe stato il secondo più grande azionista. Contestualmente –  si leggeva sul sito dell’Inter – “China Railway 15th Bureau Group Co., Ltd., controllata da China Railway Construction Corporation, e F.C. Internazionale S.p.A. hanno avviato una collaborazione per la costruzione di un nuovo stadio di proprietà entro il 2017″.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calcioscommesse, Palazzi chiede 1 anno e 3 mesi per Conte

prev
Articolo Successivo

Calcioscommesse, richiesta choc per Bonucci: 3 anni e 6 mesi di squalifica

next