Lo sciopero delle pompe di benzina annunciato per il 4 e 5 agosto prossimi è stato sospeso. Lo comunica il sottosegretario allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti. Nei giorni scorsi era già stato ridotto a due giorni, dai tre precedentemente annunciati dalle associazioni sindacali dei gestori delle pompe di benzina, perché il 3 agosto è giorno di franchigia e quindi la serrata in quel giorno sarebbe stata illegale. 

Le associazioni dei gestori hanno rinviato quindi lo stato di agitazione a fronte dell’impegno del ministero dello Sviluppo economico a riaprire dalla prossima settimana, la trattativa con le compagnie petrolifere sugli aspetti economici che avevano spinto i gestori a proclamare l’agitazione. I gestori hanno quindi rinviato lo sciopero a settembre in attesa dei risultati di una verifica prevista all’inizio di quel mese.

 Il presidente della Figisc Confcommercio, Luca Squeri ha spiegato che “il 15 settembre si fa il punto (fra sindacati e governo, ndr) per verificare lo stato di avanzamento del percorso che è stato avviato oggi con la firma del protocollo”. Il protocollo permetterà di esaminare le questioni sulle carte di credito “e di modificare l’attuale situazione” e il rapporto “tra gestori e compagnie petrolifere”. Hanno partecipato all’incontro anche lealtre sigle Faib Confesercenti, Anisa Confcommercio e Fegica Cisl e Up.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia in Lombardia, in 2 anni 150 imprese cacciate dai cantieri delle grandi opere

next
Articolo Successivo

Esselunga, Caprotti vince il lodo contro i figli. E si assicura le azioni

next