Lo sciopero delle pompe di benzina annunciato per il 4 e 5 agosto prossimi è stato sospeso. Lo comunica il sottosegretario allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti. Nei giorni scorsi era già stato ridotto a due giorni, dai tre precedentemente annunciati dalle associazioni sindacali dei gestori delle pompe di benzina, perché il 3 agosto è giorno di franchigia e quindi la serrata in quel giorno sarebbe stata illegale. 

Le associazioni dei gestori hanno rinviato quindi lo stato di agitazione a fronte dell’impegno del ministero dello Sviluppo economico a riaprire dalla prossima settimana, la trattativa con le compagnie petrolifere sugli aspetti economici che avevano spinto i gestori a proclamare l’agitazione. I gestori hanno quindi rinviato lo sciopero a settembre in attesa dei risultati di una verifica prevista all’inizio di quel mese.

 Il presidente della Figisc Confcommercio, Luca Squeri ha spiegato che “il 15 settembre si fa il punto (fra sindacati e governo, ndr) per verificare lo stato di avanzamento del percorso che è stato avviato oggi con la firma del protocollo”. Il protocollo permetterà di esaminare le questioni sulle carte di credito “e di modificare l’attuale situazione” e il rapporto “tra gestori e compagnie petrolifere”. Hanno partecipato all’incontro anche lealtre sigle Faib Confesercenti, Anisa Confcommercio e Fegica Cisl e Up.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia in Lombardia, in 2 anni 150 imprese cacciate dai cantieri delle grandi opere

prev
Articolo Successivo

Esselunga, Caprotti vince il lodo contro i figli. E si assicura le azioni

next