E’ iniziato questa mattina il presidio delle Agende Rosse in via d’Amelio a Palermo, teatro della strage mafiosa in cui, vent’anni fa, morirono il giudice Borsellino e gli uomini della scorta. Salvatore e Rita Borsellino hanno raccontato ai bambini delle scuole la storia del fratello assassinato da Cosa nostra. “Vedo tanti giovani ma nessuno anziano come me. Questo è un segnale”, ha detto Vincenzo Agostino, padre di Nino, uno degli agenti di polizia morti nella strage. Fanno scalpore le parole del Capo dello Stato, il presidente attacca i “difetti di collaborazione” e le “pubblicità improprie” nelle indagini. Un accenno implicito alla polemica sulle intercettazioni. Salvatore Borsellino: “Parole agghiaccianti” (leggi l’articolo)  di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scarti ai maiali che diventavano prosciutti Dop: il Nas sequestra 750 suini

next
Articolo Successivo

Vent’anni di trattativa Stato-mafia. Episodio 4: dal 10 marzo 2004 ai giorni nostri

next